Bank of England, incubo inflazione a due cifre.

da | Mag 7, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Andrew Bailey, Governatore di Bank of England.

La settimana che sta per concludersi ha visto anche la riunione del board di Bank of England, che ha annunciato un’ulteriore stretta di un quarto di punto, la quarta consecutiva.

Il livello dei tassi è ora all’1%, il valore più alto dall’inizio del 2009.

Quelle diramate dal Governatore Andrew Bailey sono senza dubbio le prospettive più cupe di qualsiasi altra grande banca centrale, con un’inflazione vista a due cifre (10.2%) e un periodo di stagnazione economica che di preannuncia piuttosto lungo, con il rischio di poter presto virare verso una recessione.

Fonte: Bloomberg.

Sì, perché, sebbene al momento una recessione tecnica – due trimestri consecutivi di contrazione – venga scongiurata, si preannunciano tempi duri per il Regno Unito, sul quale pesano, non solo lo shock pandemico e quello della crisi Ucraina, ma anche Brexit.

A proposito di Brexit, le elezioni locali non hanno sorriso al Premier inglese Boris Johnson, colui il quale ha portato a compimento l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, al quale i sudditi di Sua Maestà ora chiedono risposte riguardo la più grande compressione del loro tenore di vita degli ultimi decenni, nonostante i proclami durante il referendum del 2016 avessero fatto intendere tutt’altro.

I proclami del fronte del “Leave” durante la campagna referendaria su Brexit.

Dunque, se abbiamo spesso detto che i banchieri centrali in questa fase si muovono su un sentiero stretto, quello di Bailey appare addirittura strettissimo, e la decisione di aumentare i tassi, seppur arrivata all’unanimità – tre membri del board, Jonathan Haskel, Catherine Mann e Michael Saunders, avrebbero preferito una stretta maggiore, nell’ordine del mezzo punto – rischia di acuire una situazione già difficile.

Di par suo, Bailey ha un po’ ripreso il discorso fatto appena il giorno prima da Jerome Powell, chairman della Federal Reserve statunitense, secondo cui, il compito del banchiere centrale, non disponendo degli strumenti per supportare la domanda, sia limitato a tenere a bada il tasso di inflazione.

Per altro BoE non sembra avere neppure il cuscinetto auspicato dal suo omologo a stelle e strisce: il board ha infatti deciso di non avviare la vendita mensile degli 875 miliardi di sterline di asset che l’Istituzione ha accumulato nell’ambito dei suoi programmi di quantitative easing dal 2009, preferendo invece “lavorare su una strategia per la vendita di titoli di Stato del Regno Unito”, che dovrebbe aver luogo subito dopo l’estate.

Tutto ciò ha avuto ripercussioni anche sulla sterlina e sui titoli di Stato: la valuta inglese ha subìto un deprezzamento del 2% rispetto al dollaro, a $ 1,2364, mentre il rendimento dei gilt a due anni è crollato di 0,25 punti percentuali, all’1,37%.

Infine, nel prossimo futuro non si prevedono grossi scossoni: come detto, il sentiero è strettissimo, è dunque improbabile che BoE si lanci in eccessive strette. Si procederà con cautela, l’inflazione va tenuta a bada senza però gettare il Paese in recessione.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter, grazie per la lettura.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This