Inflazione, anche l’India corre ai ripari.

da | Mag 6, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Shaktikanta Das, Governatore di Reserve Bank of India.

Con una riunione a sorpresa del board, Reserve Bank of India ha annunciato nella giornata di mercoledì l’aumento dei tassi (repo rate) con effetto immediato di 40 punti base, portandoli al 4.40%.

“Mentre la guerra [in Ucraina] si avvicina e le sanzioni e le azioni di ritorsione si intensificano, la carenza, la volatilità nei mercati finanziari e delle materie prime, le dislocazioni dell’offerta e, cosa più allarmante, le pressioni inflazionistiche persistenti e diffuse stanno diventando ogni giorno più acute”, ha commentato il governatore di RBI, Shaktikanta Das.

Una stretta monetaria, con un tasso di inflazione ai massimi da 17 mesi, visto in marzo al 6.95% (i dati di aprile non sono stati pubblicati), era ampiamente prevista per la prossima riunione del board in programma a giugno, gli analisti l’avevano quantificata in 25 punti base.

Con decisione unanime, invece, RBI non ha solo anticipato la stretta ma l’ha pure ampliata.

Ciò porta anche ad una variazione al rialzo delle previsioni: se prima si riteneva che il livello dei tassi si sarebbe assestato al 5% entro la fine dell’anno, ora essa si spinge al 5.65%, mentre per il 2023 si potrebbe arrivare al 6.15%.

Il tasso di riferimento indiano era rimasto invariato negli ultimi due anni: bisogna infatti tornare indietro al maggio del 2020, quando Das optò per un taglio al 4% per alleviare lo shock pandemico.

Indian repo rates Fonte: global-rates.com

L’inasprimento delle rispettive politiche monetarie dei Paesi sviluppati per combattere la spirale inflazionistica, guidato dalla Federal Reserve statunitense, a cui al momento fa eccezione il solo Giappone, dovrebbe portare ad un deflusso di capitali dai Paesi in via di sviluppo, tra questi l’India, e ad un deprezzamento delle rispettive valute. Con esse, le stime di crescita dell’economia mondiale, già viste al ribasso, rischiano di entrare in territorio negativo.

La stagflazione, ossia quel fenomeno in cui coesistono bassa crescita e alta inflazione appare al momento difficilmente scongiurabile.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter, sono in arivo delle novità, grazie per la lettura.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This