Inflazione, il Giappone va per la sua strada.

da | Apr 28, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Haruhiko Kuroda, Governatore di Bank of Japan.

Mentre le principali banche centrali d’Occidente sono ormai avviate verso un incremento del ritmo con cui inaspriranno le rispettive politiche monetarie – a tal proposito, la prossima settimana la Federal Reserve statunitense dovrebbe annunciare un aumento dei tassi di mezzo punto base – per contrastare la spirale inflazionistica, conseguenza dello shock pandemico prima e di quello derivante dal conflitto in Ucraina poi, Bank of Japan pare ancorata nel mantenere una posizione accomodante, la stessa che ha contraddistinto la sua azione da ormai due decenni.

Questo almeno è quanto emerge dall’ultimo meeting del board della massima Istituzione di politica monetaria giapponese andato in scena nelle prime ore del mattino (ora italiana).

Sebbene l’inflazione, quella importata, cominci a far capolino anche nel Sol Levante (+0.8% rispetto all’anno precedente, il più grande aumento degli ultimi 26 mesi), e con essa l’indebolimento dello yen sul dollaro – la valuta nipponica è scesa a 130 contro la valuta statunitense per la prima volta in 20 anni nel trading pomeridiano a Tokyo – il Governatore di BoJ, Haruhiko Kuroda, non pare disposto ad introdurre alcun meccanismo di flessibilità nella sua strategia, aggiungendo anzi che uno yen debole sarà positivo per la salute dell’economia giapponese.

Occorono 130 yen per acquistare un dollaro in questo momento.

Se questo, da un lato, è senz’altro vero per un Paese decisamente votato all’export come il Giappone, dall’altro è vero anche che l’incremento dei costi dell’energia sui mercati internazionali, di cui l’industria giapponese necessita, rischia di acuire ulteriormente la spirale inflazionistica.

Considerando la perenne deflazione con cui il Giappone convive da decenni, contro cui nessuna delle politiche espansive messe in atto – monetarie e fiscali – ha davvero avuto un qualche risultato, non si tratta di una condizione troppo preoccupante, almeno a mio modo di vedere.

Poi, certo, un tasso di inflazione che, secondo le previsioni, dovrebbe sfiorare nell’anno fiscale appena cominciato il fatidico target del 2% – fermandosi all’1.9% rispetto alle previsioni di appena un mese fa in cui veniva dato all’1.1% – avrà sicuramente delle ripercussioni sulla crescita del PIL del Paese, “visto” in calo a +2.9% rispetto al +3.8% di tre mesi fa.

Come già visto in Eurozona e non solo, il tema ricorrente nelle discussioni di politica monetaria degli ultimi mesi è come contrastare l’inflazione senza danneggiare la ripresa del post pandemia, nel Sol Levante già di per sé più lenta che altrove.

L’impegno dunque ad acquistare ogni giorno titoli di Stato giapponesi a dieci anni in maniera illimitata e ad un tasso fissato allo 0.25% resta saldo, Kuroda sembra proprio non voler farsi sfuggire questa imprevista possibilità di riportare il Giappone su terreni più convenzionali, costi quel che costi.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter, sono in arrivo delle novità. 

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This