Brexit, la Scozia non ci sta.

da | Dic 21, 2019 | Politica economica, Tutto Su Brexit | 0 commenti

Nicola Sturgeon, leader di Snp.

Se è vero che le elezioni britanniche della scorsa settimana hanno portato al trionfo i conservatori di Boris Johnson, è vero anche che in Scozia a vincere è stata Nicola Sturgeon, leader del partito nazionalista scozzese (Snp),

la quale ha conquistato ben 48 dei 59 seggi assegnati alla Scozia (ai conservatori soltanto 6 seggi, 7 in meno della precedente tornata elettorale).

Così, mentre Boris Johnson ieri illustrava il programma di Governo, ottenendo il lascia passare del Parlamento sull’accordo su Brexit, la leader scozzese batteva i pugni riproponendo la strada del referendum di uscita della Scozia dal Regno Unito.

Questo perché, nel famoso referendum del 2016, a differenza di quanto avvenne nell’intero Regno Unito, quando il fronte del “Leave” si impose con il 52% dei consensi, in Scozia ben due terzi della popolazione votò per il “Remain e la netta affermazione della Sturgeon nelle ultime elezioni lascia poco spazio alle interpretazioni: la Scozia vuole restare nell’Unione Europea.

A differenza di quanto avvenuto in Catalogna però, dove il leader Carles Puigdemont inscenò un referendum informale che portò a pesanti repressioni da parte del Governo di Madrid, Nicola Sturgeon vuole fare le cose per bene, procedendo per vie legali e democratiche, cominciando dalla modifica dello Scotland Act del 1998, in modo da ampliare i poteri concessi al Governo scozzese. Infatti, allo stato attuale delle cose, spetta a Londra la decisione sulla concessione del referendum, possibilità che ad Edimburgo vorrebbero invertire.

Johnson ha già fatto sapere di non essere disposto a farlo, ritenendo il risultato del precedente tentativo di indipendenza della Scozia del 2014 ancora valido – allora il 55% degli scozzesi votò per restare nel Regno Unito – ma è chiaro che in 5 anni di acqua sotto i ponti ne è passata, 5 anni fa non si parlava di Brexit se non forse in qualche riunione di partito di UKIP.

“Viviamo in una democrazia e alla fine la democrazia deve prevalere e prevarrà” ha dichiarato la leader di Snp, determinata a proseguire la sua battaglia, non ci resta che attendere quali sviluppi prenderà la questione, per esempio, quali argomenti il Premier britannico saprà mettere sul tavolo per farla desistere, se è vero che Brexit vedrà il proprio compimento il prossimo 31 gennaio, i suoi effetti si protrarranno ancora a lungo.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter e metti un like alla mia pagina Facebook, in modo da non perderti le future pubblicazioni.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This