Lotta all’inflazione, da troppo poco a troppo?

da | Dic 17, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Fonte: Bloomberg

La settimana che sta per concludersi ha visto le tre principali banche centrali occidentali, Federal Reserve, BCE e Bank of England, allineate nella decisione di attuare una ulteriore stretta di 50 punti base ai rispettivi tassi di riferimento.

Il ritmo incessante dei rialzi, dunque, caratterizzato negli ultimi mesi da aumenti dello 0.75%, i cosiddetti “jumbo hikes”, registra così una prima – seppur lieve – flessione, complici le aspettative di inflazione, viste finalmente in ribasso.

L’opinione emersa dalle rispettive conferenze stampa, infatti, è che il picco sia ormai alle spalle: d’ora in avanti l’inflazione dovrebbe via via ritornare verso il target del 2%.

Certo, ci vorrà del tempo, e occorrerà rimanere vigili, non a caso tanto Powell, quanto Lagarde e Bailey, hanno confermato la necessità di ulteriori strette, probabilmente di eguale entità, da realizzare nei primi meeting del prossimo anno.

Da un opposto all’altro?

Il pericolo però è che i banchieri centrali stiano commettendo un errore opposto a quello compiuto lo scorso anno, sottovalutando la rapidità con cui l’inflazione potrebbe diminuire.

Allora essi sottovalutarono la nascente spirale inflazionistica – ricorderete tutti il termine “transitorio” ad essa associato e la conseguente inazione – provocando la rapida inversione di tendenza osservata in questi mesi, fatta di aumenti dei tassi costanti e consistenti.

Stavolta, invece, l’eccessivo rigore che sta caratterizzando la loro azione potrebbe acuire una situazione già di per sé preoccupante, con il rischio concreto di causare una profonda recessione.

Stessi sintomi, stessa cura?

Partendo dal presupposto che non esiste cura diversa all’inflazione dell’aumento del costo del denaro, sarebbe a mio avviso necessario fare un distinguo tra le inflazioni osservate in ciascuna regione, questo perché l’inflazione in occidente è sì alta ovunque ma per motivazioni diverse. (Ne avevo già parlato in questo mio articolo lo scorso settembre)

Se infatti negli Stati Uniti l’inflazione è figlia soprattutto del bassissimo tasso di disoccupazione e, probabilmente, delle eccessive politiche fiscali espansive, dovute ai generosi sussidi per il Covid e alla recente campagna elettorale, in Europa l’aumento dei prezzi è scaturito per lo più dalle interruzioni dell’approvvigionamento energetico, conseguenza della guerra in Ucraina. Nel Regno Unito, invece, ad un mix, a cui si aggiunge la travagliata gestione del post Brexit.

Con questo voglio dire che, sebbene il medicinale da dare al malato sia lo stesso, attenzione alle dosi!

E attenzione anche alla prevenzione: come già detto in altre circostanze, il misto di ostinazione e rassegnazione con cui si è scelto di abbandonare la forward guidance è pericoloso, non si può perennemente navigare a vista, la politica monetaria non si fa inseguendo gli eventi.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter.

Ti invito, inoltre, a dare uno sguardo alla nuova sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario, che si sta via via popolando di articoli su questo tema.

Grazie per la lettura, al prossimo articolo.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This