Inflazione, la Fed a briglie sciolte!

da | Gen 27, 2022 | Politica economica | 0 commenti

In dicembre, il dato sull’occupazione, ancora distante dal livello del pre-pandemia, aveva suggerito cautela: l’inflazione sarebbe stato sì un problema da affrontare, in quanto già allora non ritenuta più transitoria e ben oltre il livello target, ma non da aggredire.

L’aggettivo “forte” utilizzato ieri da Jerome Powell, chairman della Federal Reserve, nel definire il mercato lavoro è stato probabilmente la chiave del cambio di passo annunciato ieri, dunque, quel “livello coerente” ipotizzato in dicembre, condizione essenziale per l’inizio della normalizzazione della politica monetaria statunitense, appare raggiunto o, quantomeno, prossimo all’essere raggiunto.

Da marzo dunque cominceranno una serie strette, le prime dal 2018, di frequenza e entità ancora da stabile – molti analisti ritengono un aumento di un quarto punto per marzo, a cui ne seguiranno ulteriori tre nel corso dell’anno – a tal proposito Powell ha parlato della necessità di una politica monetaria più “agile”. Nel contempo, anche le dimensioni del bilancio della Fed andranno via via riducendosi, con un ritmo, tempi e modalità che verranno anch’essi definiti nel corso dei prossimi meeting: ciò che è emerso finora è che, nel lungo periodo, l’accento si sposterà verso la detenzione di titoli del Tesoro.

In sintesi, l’economia americana pare non aver più bisogno di essere sostenuta, sia, come detto, dal punto di vista della politica monetaria, sia da quello della politica fiscale.

È chiaro che eventuali nuove varianti del Covid, il perdurare delle strozzature nelle catene di approvvigionamento osservate negli ultimi mesi, nonché un peggioramento della situazione in Europa orientale, potrebbero rimescolare le carte in tavola.

In questo momento, con l’inflazione al 7%, il massimo dagli anni ’80, era importante agire, in modo che le aspettative inflazionistiche non si radicassero eccessivamente, tanto sui prezzi, quanto sulle mosse della stessa Fed, minandone l’efficacia, in futuro si vedrà.

Hai trovato interessante questo articolo?

Condividilo! Inoltre, al fine di non perderti i futuri articoli, l’invito, come sempre, è a iscriverti alla newsletter e lasciare un like alla mia pagina Facebook se non l’hai già fatto, grazie per la lettura!

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This