Brexit, via libera del Parlamento Europeo.

da | Gen 30, 2020 | Politica economica, Tutto Su Brexit | 0 commenti

Brexit-Banksy
La Brexit ritratta dall’artista Banksy in uno dei suoi celebri murales.

Quella di ieri è stata una giornata storica per l’Europa.

Il Parlamento europeo, infatti, con 621 voti favorevoli, 49 contrari e 13 astenuti, ha dato il via libera all’accordo che sancisce l’uscita del Regno Unito dall’Unione.

Il deal dunque c’è stato, l’incubo di un’uscita del Regno Unito senza un accordo è stato scongiurato, la Brexit avrà ufficialmente inizio alla mezzanotte del 31 gennaio 2020.

Da quell’istante in poi, le parti avranno tempo sino al 31 dicembre 2020, salvo proroghe, per definire tutti i rapporti commerciali e giuridici e dirimere tutte le controversie emerse da quel 23 giugno del 2016, data dello storico referendum con cui i sudditi di Sua Maestà manifestarono la volontà di lasciare l’Unione Europea.

Il “salvo proroghe” è un aspetto importante perché, mentre Boris Johnson, con una legge ad-hoc, ha impegnato il proprio Governo ad evitare qualsiasi estensione, ipotesi percorribile soltanto attraverso una nuova legge promulgabile entro il prossimo 1 luglio, dal lato dell’Unione c’è maggior scetticismo sul fatto che tale lasso di tempo sarà sufficiente.

Ad ogni modo, in questo lasso di tempo poco o nulla cambierà. 

Il Regno Unito, infatti, resterà nel mercato unico e nell’unione doganale, continuerà a rispettarne tutte le norme e non avrà potere decisionale sulle politiche intraprese dall’Unione, sostenendone per altro i costi.

Si apre dunque una pagina nuova, tanto per il Regno Unito, il cui Premier Johnson dovrà dimostrare con i fatti che le numerose argomentazioni portate avanti dal suo partito in questi anni circa i benefici di un’uscita dall’UE corrispondono al vero, provando nel contempo, magari, a costruire nuovi accordi ed alleanze internazionali, ridefinendo così la posizione geopolitica del Paese nel mondo, tanto per l’Unione, attesa probabilmente al bivio più importante dalla sua nascita: continuare a tergiversare, con il rischio di dissolversi, o finalmente accelerare il proprio processo di integrazione.

L’uscita del Regno Unito, infatti, per quanto dolorosa, elimina il Paese che più di ogni altro si è opposto ad una più profonda integrazione tra i partner europei, chiedendo esenzioni, nel gergo definite “opt-out”, sui temi considerati più delicati, da Schengen all’adozione della moneta unica.

Bisognerà infine capire se l’addio di Londra offrirà la possibilità ad altri Paesi di prenderne il posto, accrescendone il proprio peso politico nelle decisioni, con il rischio di creare nuove sponde che non sempre hanno fatto bene all’Europa e che, anzi, spesso ne hanno esacerbato le divisioni, o se da ciò scaturirà un ulteriore rafforzamento del legame storico tra Francia e Germania, una via forse meno democratica ma probabilmente più consona a quello che a mio avviso dovrà essere l’obiettivo dell’Unione, costruire un’alternativa seria ed autorevole al duopolio Stati Uniti-Cina.

Hai trovato interessante quest’articolo? Per restare informato su Brexit e sulle future pubblicazioni di questo blog, ti invito ad iscriviti alla newsletter e a mettere un like alla mia pagina Facebook, grazie!

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This