Brexit, nuovo rinvio?

da | Apr 4, 2019 | Politica economica, Tutto Su Brexit | 0 commenti

may-juncker-brexit-no deal
In questa foto il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, sembra dire al pubblico in sala: “Fermi tutti, dell’accordo su Brexit non se ne fa più niente!”

Dopo le 3 bocciature al Piano May e i successivi “No” alle 12 proposte (8 avanzate il 27 marzo e 4 il 1 aprile) presentate dallo stesso Parlamento, è finalmente arrivato un “Sì” ad una mozione su Brexit, quella della parlamentare laburista Yvette Cooper, avente per oggetto la volontà di scongiurare il “No deal”, ossia l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea senza un accordo, aka “Hard Brexit”.

Maggioranza trasversale ma risicatissima – un solo voto, 313 voti contro 312 – quella ottenuta dalla Cooper, che però, salvo sorprese – ricordiamo che oltre che dalla Camera dei Comuni dovrà essere accettata anche dalla Camera dei Lord per l’approvazione finale – mette un primo punto su quale sia l’effettiva volontà del Parlamento britannico: uscire dall’UE ma solo dopo aver raggiunto un accordo.

Ora l’idea di Theresa May, fanno sapere da Downing Street, è chiedere un nuovo rinvio all’UE, oltre il termine del 12 aprile, in modo da darle il tempo necessario per raggiungere un accordo con il leader laburista Jeremy Corbyn, passaggio probabilmente cruciale per convincere il Parlamento britannico ad approvare il Piano su Brexit che, come detto in apertura, ha finora ottenuto tre pesanti bocciature.

Come reagirebbero a Bruxelles a questa nuova richiesta di rinvio?

Difficile dirlo, Jean-Claude Junker, Presidente della Commissione Europea, aveva accettato la breve proroga – dal 29 marzo al 12 aprile – allo scopo di dare il tempo alla May di convincere il proprio Parlamento a ratificare l’accordo, in modo da evitare in un sol colpo, sia lo spauracchio “Hard Brexit”, sia la tragicomica partecipazione di Londra alle imminenti elezioni europee, in programma dal 23 al 26 maggio; anzi, la ratifica dell’accordo entro il 12 aprile era proprio la condizione richiesta per il rinvio della Brexit!

Ma chi ci garantisce che, in caso di ulteriore proroga, il Regno Unito accetti l’accordo che, tanto la May, quando l’UE, ritiene non rinegoziabile, in quanto il migliore possibile? Del resto Corbyn ha sempre criticato aspramente l’accordo raggiunto, invitando la May a dimettersi nel caso non fosse riuscita a migliorarlo.

Oltremanica si continua a giocare col fuoco, forse gli inglesi meriterebbero davvero una punizione esemplare.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Per restare informato su Brexit e per non perderti le future pubblicazioni ti invito ad iscriverti alla newsletter o a mettere un like alla mia pagina Facebook, grazie!


Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This