Brexit, ancora sul preaccordo.

da | Nov 20, 2018 | Politica economica, Tutto Su Brexit | 0 commenti

barnier-rabb-brexit

Da sinistra, Dominic Raab, Ministro dimissionario del Governo May per la Brexit, e Michel Barnier, Commissario per i negoziati sulla Brexit dell’Unione Europea.

Fin da quando i negoziati su Brexit hanno avuto inizio ho spesso sottolineato i diversi rapporti di forza tra l’Unione Europea ed Regno Unito, rapporti di forza che, come prevedibile, hanno prodotto una bozza di accordo nettamente sbilanciata verso i 27 (Clicca qui)

A riprova di ciò basterebbe osservare le modalità con cui le parti l’hanno accolta: un celere via libera da parte dei 27 membri della UE contro la bufera abbattutasi su Theresa May, accompagnata da numerose defezioni in seno alla sua maggioranza.

Da cittadino europeo e da europeista convinto dovrei salutare l’esito di queste trattative con soddisfazione, invece non è così, almeno non del tutto.




Ragioniamoci.

Un accordo nettamente a favore dell’Unione Europea, sebbene possa fungere da monito all’eventualità che altri Paesi possano abbandonare l’area – per questo motivo io stesso avevo tifato per un’Europa intransigente nelle trattative – porta con sé il rischio reale che il Parlamento britannico rifiuti l’intesa, rimescolando di nuovo le carte.

Certo, seppur sia da considerarsi un’ipotesi remota, un accordo altamente sbilanciato potrebbe anche spingere il Regno Unito ad un ripensamento, a.k.a. la rinuncia ad uscire dall’UE, un nuovo referendum, ipotesi, però, come detto, assai remote, da non prendere dunque in considerazione, almeno non per il momento.

Michel Barnier, il commissario UE responsabile dei negoziati sulla Brexit, avrebbe forse dovuto tenere a mente un famoso adagio il quale recita “Se diventi troppo bravo ad un gioco, all’inizio vincerai sempre, ma dopo un po’ gli altri si stuferanno di perdere e nessuno vorrà più giocare con te”.

Hai trovato interessante questo articolo?

Per restare informato su Brexit e per non perderti le future pubblicazioni ti invito ad iscriverti alla newsletter o a mettere un like alla mia pagina Facebook, grazie!




Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This