Andy Haldane

Dopo le riunioni di Fed, Bce e Boj della scorsa settimana, oggi è stata la volta di Bank of England.

Allo studio del board d’Oltremanica c’era un rialzo di 0.25 punti percentuali che alla fine, per 6 voti contro 3, non c’è stato. Se ne riparlerà probabilmente nel prossimo meeting in programma ad agosto.

Al di là del mancato rialzo – alla vigilia gli osservatori erano divisi sull’eventualità – ciò che ha stupito di questo rinvio è la posizione assunta dal capo economista della BoE, Andy Haldane, andato in minoranza – non accadeva dal 2011 – e contro il Governatore di BoE, Mark Carney.

In sintesi, almeno dal mio punto di vista, le due posizioni.

Chi era a favore di un rialzo dei tassi voleva mantenersi maggiori margini di manovra in vista del concretizzarsi di Brexit e contrastare un’inflazione che negli ultimi mesi ha pesantemente accelerato, soprattutto in virtù della svalutazione della sterlina sui mercati internazionali che ha reso i prodotti importati più cari. D’altro canto, chi ha preferito temporeggiare teme che una politica monetaria più restrittiva possa minare le prospettive di crescita del Regno Unito che già nel primo trimestre avevano dato segnali in tal senso.

Difficile capire dove stia la ragione, Brexit è tutta in divenire, ciò che abbiamo vissuto finora è stato esclusivamente frutto delle aspettative.




In mezzo a tante incertezze una certezza però c’è.

Bank of England non darà il via alla vendita dei titoli acquistati nel suo programma di allentamento monetario (quantitative easing) fino a quando i tassi non raggiungeranno l’1.5%.

Ciò lascerebbe intendere la volontà di accelerare la normalizzazione della politica monetaria nel Regno Unito, seguendo quanto fatto dalla Fed nell’ultimo anno, anche se, dato che il valore attuale di riferimento è 0.50%, la strada resta ancora lunga.

Per avere le idee più chiare su come si muoverà Bank of England ci toccherà aspettare agosto.



Hai trovato interessante quest’articolo?

Se sì, iscriviti alla newsletter inserendo la tua mail nell’apposito spazio o metti un like alla mia pagina Facebook, resterai così informato sulle future pubblicazioni, grazie!