L’insolita IPO di Reddit.

da | Mar 25, 2024 | Management

Un sorridente Steve Huffman al primo giorno di quotazione di Reddit.

Reddit, Inc. è un’azienda nata nel 2005 da un’idea di Alexis Ohanion e Steve Huffman – quest’ultimo ricopre ancora la carica di CEO – attraverso cui gli utenti, i cosiddetti “redditors”, partecipano a discussioni (subreddit) legate ai temi più disparati, dalla geopolitica all’ultima serie Netflix, portando il proprio contributo in quello che è spesso uno scambio prolifico di informazioni, oltre che una fucina di meme, molti dei quali finiscono per inondare gli altri social.

Comunità e senso di appartenenza sono dunque i pilastri di questa piattaforma, a metà tra un social e un forum, una sorta di rete di community, una piattaforma in cui gli utenti, “protetti” dall’anonimato, sono al servizio gli uni gli altri, dove il gruppo continua a contare più del singolo: non c’è spazio per influencer e narcisismo, al centro delle discussioni c’è un tema, non gli utenti, lo si deduce anche dal nome dato alla piattaforma, uno slang di “Read It”.

Restata per lungo tempo nell’ombra, forse anche a causa di un’interfaccia e uno stile démodé, il suo essere poco “verticale” e – non ultimo – l’utilizzo quasi esclusivo della lingua inglese, condito da un uso indiscriminato di slang, spesso ostico per i non nativi, Reddit è balzata agli onori delle cronache nel 2021 per lo short squeeze operato ai danni di alcuni hedge fund di Wall Street – ne avevo parlato anch’io all’epoca – rei di aver shortato alcune aziende, tra cui Gamestop.

Le cose erano andate più o meno così: sul subreddit denominato r/wallstreetb, gli utenti si erano messi d’accordo per contrastare le scommesse al ribasso degli operatori di mercato, finendo per generare per questi ultimi perdite clamorose, in quella che i media avevano immediatamente etichettato come “La vendetta del popolo sull’élite“.

Piccola digressione, cosa si intende per vendita allo scoperto aka shortare?

Gli investitori che vogliono scommettere sul deprezzamento di un’azione – perché ritengono che essa abbia un valore superiore alle sue prospettive economiche, o anche nell’ottica di una asset allocation tattica, ossia di breve o brevissimo periodo – prendono a prestito tali azioni dai broker e le vendono sul mercato con l’aspettativa che il loro prezzo scenda in maniera tale da poterle ricomprare, e restituirle così al broker – che a sua volta le girerà al proprietario che è un investitore strutturalmente lungo, ossia che le tiene stabilmente in portafoglio – incassando la differenza.

Chi shorta ha quindi il problema di essere obbligato a ricomprarsi le azioni, indipendentemente dal prezzo che esse assumeranno. Se infatti il prezzo del titolo su cui si è scommesso salirà anziché scendere, se cioè le previsioni dell’investitore si riveleranno errate, esso si esporrà ad una perdita potenzialmente illimitata, non quindi circoscritta al valore dell’azione come nel caso di un comune azionista. Tale situazione può ulteriormente peggiorare nel caso in cui l’azienda presa di mira abbia un flottante, ossia azioni disponibili alla negoziazione, esiguo: la scarsità guida il prezzo al rialzo (short squeeze).

Lo scorso 21 marzo Reddit ha deciso di quotarsi a New York, in una delle IPO del settore hi-tech più attese dell’anno per almeno due motivi:

  • I giganti di Wall Street, feriti dall’attacco frontale del 2021, come avrebbero preso questa mossa? Si sarebbero vendicati o l’opportunità di far business avrebbero prevalso?
  • E i redditors, spesso dimostratisi integralisti, tanto da mai lesinare critiche al management, sarebbero passati dall’altra parte della barricata senza batter ciglio?

Com’è andata?

Stando ai primi giorni di scambi, sembra essere andato tutto liscio.

Il titolo RDDT, il cui valore di partenza era stato fissato a 34 $ per azione, già dopo pochi minuti era salito a 47 $, fino a raggiungere un massimo di 57,80 $ per poi ritracciare a 50,44 $, facendo quindi registrare un rialzo del 48%. La società ha così ottenuto una capitalizzazione di mercato di 9,5 miliardi, un valore simile ai 10 miliardi stimati nel 2021.

Nel momento in cui scrivo il titolo vale 46 $.

Wall Street sembra entusiasta delle prospettive di crescita dell’azienda che, ricordiamolo, può contare su 267,5 milioni di utenti attivi settimanalmente – per fare un confronto, ChatGPT ne ha “soltanto” 100 milioni – e, cosa ancora più importante, su 19 anni di conversazioni organizzate per argomento, una mole di dati che rappresenta una miniera d’oro per le aziende impegnate nello sviluppo dell’AI. Oltre a ciò, il direttore operativo della piattaforma, Jen Wong, si è detto concentrato sull’incremento della pubblicità e sullo sviluppo di transazioni tra gli utenti.

Affinché Reddit prosperi sarà fondamentale per la società non rinnegare le proprie origini, fare in modo che la ricerca del profitto non limiti le discussioni e la libertà di espressione degli utenti, insomma ciò che ne ha decretato finora il successo. Per mettere a tacere sul nascere eventuali rimostranze da parte dei redditors, l’azienda ha deciso di riservare loro fino all’8% della sua IPO, una scelta a mio avviso saggia, nonostante possa comportare un aumento della volatilità del titolo nella prima fase.

Hai trovato questo articolo interessante?

Se siete anche voi curiosi di scoprire gli sviluppi di questa insolita IPO, l’invito, come di consueto, è di mettere un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o di iscriverti alla newsletter in modo da restare aggiornato sulle future pubblicazioni.

Infine, ti consiglio di dare uno sguardo alla sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario.

Grazie per la lettura, al prossimo articolo.

OpenAI: Altman messo alla porta, anzi no!

Sono stati giorni frenetici in Silicon Valley, in particolare per OpenAI, la startup creatrice di ChatGPT, a seguito del licenziamento lo scorso venerdì del CEO Sam Altman, accusato dal consiglio di amministrazione di una non ben chiarita “scarsa trasparenza”. Una...

Alibaba si riorganizza.

Alibaba Group è una multinazionale cinese, fondata nel 1999, che opera in svariati settori dell’attività economica, dall’e-commerce al cloud computing, passando per lo streaming e la logistica. Insomma, una sorta di Amazon cinese. Negli anni la sua crescita è stata...

Il salvataggio di Credit Suisse e l’ombra dei ricorsi legali.

Uno dei punti cruciali del salvataggio di Credit Suisse da parte di UBS, sotto l’egida di Suisse National Bank (SNB) e Swiss Financial Market Supervisory Authority (Finma), ne avevo fatto cenno anche nel mio precedente articolo sul tema, riguarda l’azzeramento di 16...

Credit Suisse ed il moral hazard, lascia o raddoppia?

Zurigo, quartiere di Paradeplatz, sede centrale di Credit Suisse: “The next bank to go bye bye? Quello tra Svizzera e finanza è un legame indissolubile. Impossibile pensare alla repubblica elvetica senza far riferimento al ruolo di primo piano che i suoi istituti di...

Gestioni separate? Lasciamocele alle spalle.

Gestioni separate? Lasciamocele alle spalle.

Italiani, popolo di santi, poeti e navigatori. Ma anche di risparmiatori. Risparmiatori sì, ma con scarsa propensione al rischio. Il mercato ne è consapevole ed è per questo che, nel tempo, ha sviluppato prodotti sempre più in linea con quelle che sono le esigenze...

Share This