Gestioni separate? Lasciamocele alle spalle.

Italiani, popolo di santi, poeti e navigatori. Ma anche di risparmiatori.

Risparmiatori sì, ma con scarsa propensione al rischio. Il mercato ne è consapevole ed è per questo che, nel tempo, ha sviluppato prodotti sempre più in linea con quelle che sono le esigenze della clientela.

È da questi semplici assunti che nascono le polizze assicurative, anche dette “assicurazioni sulla vita”, strumenti attraverso i quali, in cambio del pagamento di un premio, un soggetto (il beneficiario) riceve una somma di denaro sotto forma di capitale o di rendita, al verificarsi di un determinato evento legato alla vita dell’assicurato (vita o morte). Si tratta, insomma, di strumenti ibridi, in grado di coniugare le esigenze di protezione a quelle di investimento, un mix che pare abbia fatto breccia nel cuore di tanti risparmiatori.

Se a questo poi aggiungiamo la promessa di un rendimento minimo garantito, ecco che anche le remore legate ai costi di tali strumenti, talvolta eccessivi, decadono: il risparmiatore medio è bello che accontentato.

Cosa si intende per Gestione Separata?

Ovviamente il denaro accumulato da queste polizze non è stipato in qualche caveau ma viene investito.

Come? In una particolare forma di gestione degli investimenti, separata dal patrimonio della Compagnia, definita – appunto – “Gestione Separata”.

Caratteristica principale della Gestione Separata è la sua inattaccabilità. Ciò significa che i creditori della Compagnia, in caso di suo dissesto, non potranno rivalersi su di essa.

Cosa c’è dentro la Gestione Separata?

L’Organo di Vigilanza del Settore Assicurativo (IVASS) prescrive che i patrimoni delle gestioni separate debbano essere investiti in modo che siano rispettate le esigenze del risparmiatore “in termini di sicurezza, redditività e liquidità degli investimenti”.

Per tali ragioni, nelle scelte di investimento delle Gestioni Separate, la Compagnia deve prediligere strumenti cosiddetti “sicuri”.

Insomma, una Gestione Separata è un grande contenitore, formato in prevalenza da titoli a reddito fisso (Titoli di Stato per lo più), che vengono acquistati, contabilizzati al costo storico, e in genere portati a scadenza, la quale è mediamente superiore ai dieci anni.

Il rendimento minimo garantito.

Per anni, le favorevoli condizioni di mercato hanno consentito alle Compagnie di Assicurazione di garantire ai propri clienti tassi minimi di rendimento.

Ma cosa succede se, come accaduto quest’anno (-33%), le condizioni di mercato cambiano?

Nel caso di nuove sottoscrizioni, tale possibilità svanisce, nel caso delle vecchie polizze, invece, la Compagnia di Assicurazione è costretta a colmare la differenza di tasca propria.

Può farlo all’infinito? Certo che no.

E se questa fase perdura, essa è costretta a rivedere le proprie politiche di investimento, ossia modificare il cosiddetto sottostante, spingendo la propria Gestione Separata fuori dal perimetro degli strumenti considerati “sicuri”.

Può farlo? Certo, riceverete una comunicazione che, con ogni probabilità, finirete per ignorare.

Contabilizzazione al costo storico.

Un’altra peculiarità delle gestioni separate è – come detto – che gli strumenti di cui esse si compongono, per lo più Titoli di Stato, sono contabilizzate al costo storico, ossia al costo a cui essi sono stati acquistati.

Per comprendere meglio questo aspetto, facciamo un esempio.

Immaginiamo che la gestione separata di una polizza abbia in portafoglio un BTP decennale. Esso è stato comprato a 98, mentre la cedola è del 4%. Fino a che non sarà venduto il titolo verrà iscritto a bilancio per un valore pari a 98. Ciò indipendentemente dal fatto che un possibile rialzo dei tassi abbia spinto le quotazioni fino a – guardiamo il grafico precedente – 60.

Di nuovo, nel caso tale condizione dovesse perdurare, l’obiettivo della Compagnia sarà liberarsi della Gestione Separata prima della scadenza, in modo da migliorare i suoi coefficienti di solvibilità (Solvency II) cedendola ad altre, magari meno conosciute, meno affidabili, con rating modesti.

Ed è così che uno strumento di investimento sottoscritto perché considerato scarsamente rischioso e avente un rendimento interessante, rischia di cadere vittima del “moral hazard” e dell’“adverse selection”, rivelandosi, dunque, non solo scarsamente profittevole ma persino pericoloso.

Qual è la soluzione?

La soluzione a mio avviso è lasciarsi alle spalle questa tipologia di strumenti di investimento, solo apparentemente più sicura, per cominciare ad affidarsi a forme attive di gestione del risparmio, più pronte a sfruttare le opportunità offerte dal mercato e a difendersi da eventuali ribassi.

Compila il form di seguito per fissare un appuntamento e scoprire insieme quali soluzioni Azimut ha in serbo per te.

Dicono di me:

Serena De turris
Serena De turris
Ho deciso di affidarmi a Simone perché mi ha sempre ispirato tanta fiducia. Un ragazzo semplice come me che capisce le mie esigenze e cerca di trovare la soluzione migliore per ottimizzare i miei guadagni. Sempre disponibile e pronto a rispondere ad ogni dubbio.
Martina Esposito
Martina Esposito
Simone Fontana è un consulente che, oltre ad essere competente e professionale, è stato in grado di trovare la soluzione più adatta alle mie esigenze. Inoltre, ho molto apprezzato la sua capacità di spiegare attraverso concetti semplici le attività e i passi da seguire, in modo che tutto mi fosse più chiaro.
Gennaro Fontana
Gennaro Fontana
Conosco Simone da una vita, siamo cugini. Spesso la mia banca mi aveva proposto alcuni suoi prodotti ma sono dell'idea che la fiducia in questo ambito conti più di ogni altra cosa. Così, ho deciso di affidarmi a mio cugino, cominciando con la sottoscrizione di un fondo pensione, in modo da beneficiare dei numeri vantaggi fiscali che lui mi ha accuratamente descritto. È solo l'inizio...
Massimiliano Fucci
Massimiliano Fucci
Ho avuto modo di interagire con Simone e che dire è stato un piacere ascoltarlo e alla fine abbiamo deciso di investire su Azimut, grazie mille lo consiglio vivamente
Francesco Esposito
Francesco Esposito
Mia moglie ed io ci siamo rivolti a Simone con l' intento di "rendere più fruttuosi" i nostri risparmi e programmare una vecchiaia un più serena, almeno dal punto di vista finanziario, considerate anche le pessime previsioni riguardanti le pensioni. Ciò che ci ha colpiti è stata l' onestà di Simone il quale ci ha invitato a mantenere alcuni prodotti di risparmio impiegati invece di "spingerci" verso altri strumenti. Abbiamo entrambi "attivato" un salvadanaio per la pensione integrativa. In sintesi abbiamo trovato un professionista orientato ai bisogni delle persone e non al suo datore di lavoro (che non ha essendo un libero professionista).
Simo Tokyo
Simo Tokyo
Un consulente a distanza? Certamente! Non sempre avere una banca di riferimento vicino casa sia sinonimo di affidabilità e trasparenza. Mi sono rivolto a simone perché è l’unico che mi ha spiegato bene come poter recuperare tutto quello perso grazie alla “mia banca affidabile”! Trasparenza, disponibilità e cortesia sono le caratteristiche che lo contraddistinguono!…l’unico problema è che avrei dovuto affidarmi a lui molto tempo prima! 🙂
Antonella De Martino
Antonella De Martino
Simone nn è un semplice consulente finanziario. Simone è un grande professionista, sia sul lato umano che sulle competenze finanziarie. Anche se giovane d'età ha un'ottima preparazione nel campo della finanza e soprattutto la capacità di ascoltare le esigenze dei propri clienti,consigliando per ognuno le soluzioni migliori per investire i propri risparmi, elencando e spiegando nei piccoli dettagli, prima i rischi e poi i vantaggi di un'operazione. È estremamente discreto,senza cercare di invadere nelle scelte dei propri interlocutori. Si impegna in modo costante ed è sempre disponibile per qualsiasi domanda o dubbi,rispondendo in modo esaustivo e soprattutto competente. È un consulente finanziario, a mio parere,che ognuno dovrebbe sperare di incontrare,onesto,premuroso e estremamente preparato,pronto a consigliare ad ognuno l'investimento adatto alle proprie esigenze,seguendo i risparmi di tutti come se fossero i propri.
Filomena Pane
Filomena Pane
Il mondo della finanza mi è sempre apparso un qualcosa di freddo, poco chiaro e lontano dai reali bisogni delle persone. La mia esperienza con Simone invece è stata del tutto diversa, il suo obiettivo è quello di fare entrare il più possibile le persone in questo mondo, nel suo mondo, di aiutarle a capire il più possibile, in quanto il suo punto di partenza è che dietro una materia all' apparenza così fredda ci sono esigenze reali e sacrifici. Grazie alla sua dedizione, passione e ovviamente grande competenza questo obiettivo è raggiunto egregiamente!
Gennaro Esposito
Gennaro Esposito
È un piacere condividere la mia esperienza positiva con Simone Fontana. Simone, è estremamente competente e attento all'esigenze dell'interlocutore. La sua capacità di ascoltare le nostre preoccupazioni e gli obiettivi finanziari per la famiglia è stata eccezionale. Ha dedicato tempo a comprenderci appieno, analizzando la nostra situazione finanziaria in dettaglio. Ci ha presentato una serie di soluzioni adatte a obiettivi e propensione al rischio, illustrando chiaramente i pro e i contro di ogni opzione, in modo che potessimo prendere decisioni informate. Ciò che apprezziamo particolarmente è il suo impegno costante, il fatto che non cerca di imporci soluzioni immediate, e la sua comunicazione è sempre chiara ed esaustiva. Rende facile comprendere le implicazioni di ciascuna scelta. Personalmente, reputo molto interessante anche ciò che scrive sul blog e le notizie che condivide sulle pagine social. In sintesi, consulente finanziario eccezionale che dimostra grande empatia, competenza e dedizione nel fornire soluzioni finanziarie personalizzate. Lo consigliamo vivamente a chiunque cerchi un consulente di fiducia per le proprie esigenze.
Filomena Gargiulo
Filomena Gargiulo
Consulente capace di illustrarti tutto in modo semplice, capace di farti capire tutto e disponibile ad ogni quesito..

Richiedi un appuntamento gratuito:

Per accettazione

4 + 5 =

Share This