Giappone, un nuovo inizio?

da | Feb 26, 2024 | Politica economica

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa.

Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto – allora chiuse a 38.915,87 – un attimo prima dello scoppio della bolla economica che mise fine alle velleità giapponesi di diventare la prima economia mondiale, inaugurando quelli che gli storici hanno definito i “decenni perduti” del Giappone.

È davvero un buon anno per il mercato azionario giapponese, cresciuto di oltre il 16% da inizio anno, dopo il già ottimo +30% fatto registrare nel 2023. Ciò però non deve spaventare: il rapporto prezzo/utili si attesta sul 16%, niente a che vedere con il 60% del 1989.

A trainare la rinascita del Sol Levante vi sono gli ingenti sussidi al settore dei semiconduttori, con Tokyo Electron e Advantest in grande spolvero, settore dove il Governo giapponese ha espresso la ferma volontà di ricominciare a recitare un ruolo e di recuperare così il gap da Corea del Sud e Taiwan, soprattutto alla luce degli eventuali risvolti geopolitici che potrebbero riguardare Taipei, finita da tempo nelle mire di Xi Jinping, le riforme di governance aziendale, lo yen debole, conseguenza del persistere di una politica monetaria estremamente accomodante da parte di Bank of Japan, e il programma di investimenti con defiscalizzazione rivolto ai piccoli investitori, denominato Nippon Individual Savings Account (NISA).

Tutto ciò nonostante i dati poco incoraggianti diffusi di recente sul PIL, con l’economia giapponese caduta inaspettatamente in recessione tecnica nel quarto trimestre, un dato che però al momento non sembra preoccupare gli analisti, convinti che i consumi riprenderanno presto a crescere, spinti da una più rapida crescita dei salari nominali e dal rallentamento dell’inflazione.

Anzi, il rallentamento economico dovrebbe costringere BoJ a rivedere i suoi piani di normalizzazione, posticipando ancora una decisione che già alla nomina di Kazuo Ueda, avvenuta quasi un anno fa, sembrava imminente.

Gli investitori internazionali, che in gennaio hanno acquistato azioni giapponesi per 2.070 miliardi di yen, circa quattro volte in più rispetto all’anno precedente, vedono il protrarsi di un contesto di tassi di interesse estremamente bassi e l’indebolimento dello yen come fattori positivi per gli utili societari, interrompere adesso la corsa di un cavallo che viaggia a briglia sciolte potrebbe essere un errore.

Hai trovato questo articolo interessante?

Siamo davvero di fronte ad un nuovo inizio per il Giappone? Per scoprirlo, il consiglio, come di consueto, è di mettere un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o di iscriverti alla newsletter in modo da restare aggiornato sulle future pubblicazioni.

Inoltre, ti consiglio di dare uno sguardo alla sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario.

Grazie per la lettura, al prossimo articolo.

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Inflazione, Erdoğan fa marcia indietro.

Hafize Gaye Erkan, Governatore di TCMB (Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası) Chi mi legge da qualche tempo sa che le strategie di politica monetaria di Recep Tayyip Erdoğan hanno sempre attirato la mia attenzione. Il motivo? Il loro essere agli antipodi con quanto la...

Bank of Japan, i tempi sono maturi?

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. Dall’ultima riunione di Bank of Japan - l’avevo scritto nel mio precedente articolo - ci si aspettava qualche novità, così è stato: Kazuo Ueda, Governatore di BoJ, ha annunciato l’introduzione di maggior flessibilità nella...

Che succede all’Asia?

Il dollaro forte, l’economia cinese che stenta a ripartire e il prezzo del petrolio in aumento. Sono queste le tre variabili che stanno influenzando le performance delle economie asiatiche, da quelle emergenti del sud-est asiatico fino al Giappone, le cui rispettive...

Share This