India, nuovo tentativo di demonetizzazione.

da | Giu 6, 2023 | Politica economica | 0 commenti

Sono trascorsi diversi anni – era il 2016 – dall’ultimo tentativo di demonetizzazione operato dall’India.

Allora, ne scrissi anch’io, si trattò di un vero e proprio bagno di sangue: l’86% della valuta indiana, la rupia, nello specifico le banconote da 500 e 1.000, furono invalidate dall’oggi al domani, costringendo i cittadini a mettersi in fila presso gli istituti bancari di tutto il Paese, pena l’impossibilità di effettuare pagamenti e la perdita del proprio denaro.

Tra l’altro, in quella occasione, Reserve Bank of India, la banca centrale del Paese, non riuscì neppure a soddisfare la domanda di nuove banconote in grado di compensare i depositi, nonostante l’imposizione di un limite giornaliero di 4.000 rupie: si narra di decine di persone sentitesi male, qualcuna addirittura deceduta, mentre attendevano per ore il proprio turno.

Stavolta la situazione dovrebbe essere diversa, sia perché, innanzitutto, negli ultimi anni i pagamenti digitali hanno largamente preso piede nel Paese, sopperendo alla mancanza nelle periferie di filiali bancarie, sia perché ad essere ritirate saranno le meno diffuse banconote da 2.000 rupie, quelle che presero il posto nel 2016 di quelle da 1.000, il taglio più alto in circolazione, un decimo della valuta totale in circolazione, l’equivalente di circa 24 $, sia perché, infine, i cittadini indiani avranno circa 4 mesi (fino al 30 settembre) per depositarle.

A tal proposito, non si sa con esattezza cosa accadrà dopo tale deadline: Reserve Bank of India non ha chiarito se le banconote da 2.000 rupie il 1 ottobre diventeranno effettivamente carta straccia.

La suddetta banconota, la cui stampa era già stata interrotta nel 2019 in favore di volumi maggiori di tagli inferiori, era spesso additata di favorire corruzione e affari loschi, dunque, il suo ritiro segue il percorso già tracciato da altri Paesi, a cominciare dall’Eurozona, dove la BCE ormai da anni ha deciso di non stampare più banconote da 500 euro.

A questo punto, è lecito prevedere una prepotente riemersione di tale taglio – gli indiani avevano l’abitudine di tesaurizzarla – non tanto con l’idea di depositarla e quindi rischiare di finire sotto la lente di ingrandimento del Fisco, quanto approfittarne per sostituirla con altro, soprattutto lingotti d’oro, altra abitudine piuttosto diffusa nel Paese.

Per completezza di analisi non va inoltre dimenticato che le ambizioni dell’India di diventare una superpotenza economica ed industriale passano anche dalla creazione di un Fisco in grado di supportarne la crescita e di Welfare capace di prendersi cura di quello che le più recenti proiezioni ci dicono diventerà presto il Paese più popoloso al mondo.

Lotta all’evasione, dunque, – tra l’altro la banconota da 2.000 rupie, in virtù della scarsa diffusione, ben si prestava anche alla contraffazione – ma, come descritto in precedenza, anche alla corruzione.

Nel mirino del Presidente Narendra Modi, secondo i critici, ci sarebbero soprattutto i rivali politici: da qui alle prossime elezioni presidenziali, in programma nell’estate del 2024, ci saranno diverse tornate amministrative. In passato, infatti, Reserve Bank of India ha sottolineato l’aumento della quantità di denaro in circolazione in prossimità degli appuntamenti elettorali.

Non solo, la riemersione di tali banconote dovrebbe generare un boom di acquisti in articoli per la casa di alto valore, forse persino dello stesso settore immobiliare, con risvolti positivi per la crescita della terza economia asiatica dopo Cina e Giappone.

Di tenore certamente inferiore saranno gli effetti sulla piccola imprenditoria che, data l’incertezza su cosa accadrà dal prossimo 1 ottobre, potrebbe avere qualche remora nell’accettare grosse quantità di banconote di cui non è ancora chiara la futura validità.

Infine, se almeno una parte di tali banconote verrà depositata, esse genereranno una maggiore liquidità negli istituti bancari, dunque una maggiore propensione da parte di questi ultimi nell’erogazione di prestiti a famiglie ed imprese, nonostante l’incessante aumento del costo del denaro operato da parte di Reserve Bank of India dal maggio del 2022.

Hai trovato questo articolo interessante?

Nel ringraziarti per la lettura, ti invito a mettere un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o ad iscriverti alla newsletter, sarai avvisato riguardo le future pubblicazioni. Ti invito inoltre a dare uno sguardo alla sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario.

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Inflazione, Erdoğan fa marcia indietro.

Hafize Gaye Erkan, Governatore di TCMB (Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası) Chi mi legge da qualche tempo sa che le strategie di politica monetaria di Recep Tayyip Erdoğan hanno sempre attirato la mia attenzione. Il motivo? Il loro essere agli antipodi con quanto la...

Bank of Japan, i tempi sono maturi?

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. Dall’ultima riunione di Bank of Japan - l’avevo scritto nel mio precedente articolo - ci si aspettava qualche novità, così è stato: Kazuo Ueda, Governatore di BoJ, ha annunciato l’introduzione di maggior flessibilità nella...

Share This