Fed, prosegue la lotta all’inflazione.

da | Lug 28, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve.

Come previsto, ieri la Federal Reserve statunitense ha annunciato una ulteriore stretta di 75 punti base, portando i tassi nell’intervallo 2.25%-2.50% (a tal proposito, ricordiamo che, a differenza della BCE, la Fed non utilizza un valore puntuale, bensì un intervallo).

Si tratta del quarto aumento consecutivo.

L’andamento dei tassi statunitensi negli ultimi vent’anni. Fonte: WSJ

La decisione, presa all’unanimità, è tesa a combattere la preoccupante spirale inflazionistica, a giugno “vista” al 9.1%, il valore massimo dal 1981.

Riguardo le future mosse, Jerome Powell, Presidente della massima istituzione di politica monetaria statunitense, non ha voluto sbilanciarsi, asserendo che d’ora in avanti le decisioni saranno prese sulla base dei dati: insomma, anche la Fed ha deciso di rinunciare alla forward guidance.

La conferenza stampa.

Ciò che però i Banchieri Centrali sembrano in questa fase ignorare è il gap che intercorre tra quanto i dati ci dicono e quello che accade nella realtà, così come c’è un gap tra l’introduzione di una misura e gli effetti che essa produce.

In altre parole, se finora l’inflazione, “vista” per lungo tempo come transitoria, si è poi rivelata essere persistente, e dunque i banchieri centrali si sono ritrovati in ritardo nel combatterla, ora, l’eccessiva foga con cui si stanno muovendo, rischia di farci sprofondare in recessione. Le prime avvisaglie le stiamo osservando proprio in queste ore, con l’economia statunitense che è calata dello 0.9% nell’ultimo trimestre.

Per il momento Powell non sembra particolarmente preoccupato, anche perché – ancora – a differenza della BCE, la Federal Reserve è meno dogmatica, dunque più politica, sugli obiettivi da perseguire: non solo il target inflazionistico, ma anche la “piena occupazione”.

E, visto che i dati sull’occupazione statunitense continuano ad essere robusti, Powell ritiene che, all’altare della lotta all’inflazione, qualche posto di lavoro possa essere sacrificato.

“Restoring price stability is just something that we have to do.” 

Jerome Powell

Come detto, “Del doman non v’è certezza”, ciò nonostante, gli investitori sono pronti a scommettere che i tassi raggiungeranno il picco al 3.3% quest’anno, prima che la Fed cominci ad operare un modesto taglio nel 2023, soprattutto se il rischio recessione, dovesse farsi più reale.

Infine, Powell ha ribadito l’impegno verso una riduzione graduale del bilancio dell’Istituzione, ancora pesantemente imbottito dalle misure emergenziali rese necessarie dallo shock pandemico e non solo.

Hai trovato interessante questo articolo?

Condividilo, lascia un like alla mia pagina Facebook o iscriviti alla newsletter in modo da non perderti le future pubblicazioni, a breve sarà pronta anche la sezione relativa alla mia attività di consulente finanziario, grazie per la lettura!

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This