Russia, altro taglio dei tassi.

da | Mag 27, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Elvira Nabiullina, Governatrice di Central Bank of Russian Federation.

In una riunione straordinaria tenutasi nella giornata di ieri, la Banca Centrale della Federazione Russa ha annunciato un’ulteriore riduzione dei tassi – la terza in poco più di un mese – portandoli dal 14% all’11%.

Siamo quindi vicini al ritorno ad una condizione pre-invasione, quando il tasso di riferimento era all’11%; a tal proposito la Governatrice, Elvira Nabiullina, ha affermato di vedere ancora spazio per ulteriori tagli nelle prossime riunioni.

Andamento del tasso di riferimento russo negli ultimi mesi. Fonte: Bloomberg.

Il motivo? Il forte apprezzamento del rublo.

Dunque, se da un lato il Presidente russo Vladimir Putin e la forte schiera di seguaci che imperversano – ahinoi – anche sui nostri media, stanno propagandando il rafforzamento del rublo sulle valute occidentali come un segnale di resilienza del Paese alle sanzioni occidentali, dall’altro, chi si occupa della politica monetaria del Paese sta operando affinché ciò non accada.

Andamento del cambio rublo/dollaro negli ultimi mesi. Fonte: Bloomberg.

Sebbene Nabiullina abbia fatto scarsa menzione sulle dinamiche del rublo, allo scopo di non contraddire chi l’ha nominata, limitandosi a registrare il positivo rallentamento dell’inflazione, la verità, in conferenza stampa, è venuta fuori piuttosto chiaramente: “I prossimi trimestri non saranno facili, mentre l’economia si sta adattando sarà difficile per aziende e cittadini.”

C’è chi ritiene però che gli sforzi che la Banca Centrale russa sta compiendo saranno vani: i controlli sui capitali, seppur allentati, indeboliscono la domanda di valuta estera, rendendo impossibile la vendita di beni e il rimpatrio delle ricchezze detenute oltre-confine, mentre l’aumento delle esportazioni degli energetici, esclusi sinora dalle sanzioni occidentali, continuerà a rafforzare il rublo.

Siamo nella condizione in cui il tasso di cambio è determinato per la quasi totalità dalla bilancia commerciale, condizione nella quale la politica monetaria può fare ben poco. Ecco perché il deciso calo del rublo sul dollaro registrato subito dopo l’annuncio non lascia le autorità di politica monetaria russe ottimiste circa il prossimo futuro, avrà effetto temporaneo.

Nei prossimi mesi la Governatrice Nabiullina proverà con ulteriori tagli al livello dei tassi a salvare l’economia russa dal baratro di una recessione a doppia cifra e, presumibilmente, da una spirale inflazionistica quasi altrettanto preoccupante.

Ci riuscirà? No. Per il bene dei cittadini russi ci si augura che qualcuno al Cremlino ne prenda atto al più presto.

Hai trovato questo articolo interessante?

Condividilo. Al fine di restare aggiornato sulle future pubblicazioni, ti invito poi ad iscriverti alla newsletter, sono in arrivo delle novità. Appuntamento al prossimo articolo, grazie per la lettura.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This