Russia, Nabiullina ha una nuova priorità.

da | Apr 29, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Elvira Nabiullina, Governatore di Central Bank of Russia Federation.

Due mesi fa vi avevo parlato della Banca Centrale russa corsa in sostegno del rublo – dopo che la valuta russa, all’inizio dell’invasione, aveva fatto registrare un pesante deprezzamento contro il dollaro e le altre principali divise estere, – mediante il raddoppio dei tassi (dal 9.5% al 20%).

Dopo una prima correzione al 17%, avvenuta circa tre settimane fa, ecco che, quest’oggi, il governatore Elvira Nabiullina ne ha annunciata un’altra di ulteriori 300 punti base, lasciando intendere la possibilità che la massima Istituzione di politica monetaria russa possa ancora agire in tal senso.

Il costo del denaro passa quindi al 14%.

L’andamento dei tassi in Russia nell’ultimo anno.
Fonte: global-rates.com

Le priorità sono cambiate. Se prima, come detto, l’obiettivo era sostenere la valuta russa, ora il focus si sposta verso il sostegno dell’economia, pesantemente colpita dalle sanzioni – si stima un crollo del PIL per quest’anno tra l’8 ed i 10 punti percentuali – mentre il tasso di inflazione dovrebbe raggiungere entro la fine dell’anno un valore tra il 18 ed il 23%.

Come il conflitto influenzerà le prospettive di crescita dell’economia russa.
Fonte: Bloomberg

Come il conflitto influenzerà il tasso di inflazione.
Fonte: Bloomberg

Non combatteremo l’inflazione ad ogni costo” ha dichiarato Nabiullina, aggiungendo che sarà necessario un periodo di transizione affinché l’economia possa adattarsi ai blocchi nelle catene di approvvigionamento che stanno ostacolando alcune importanti produzioni.

Insomma, sebbene Putin e Lavrov continuino a predicare ottimismo e, con essi, la lunga schiera di giornalisti, intellettuali, esperti o presunti tali, che infestano per ragioni che tutt’ora ignoro la tv italiana, i responsabili della politica monetaria di Mosca non sembrano dello stesso avviso.

Non basterà la risalita del rublo, complice l’aumento dei prezzi delle materie prime ed il controllo dei capitali, a salvare la Russia.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter, sono in arrivo delle novità. 

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This