Inflazione, la Fed accelera.

da | Mar 17, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve.

Nel consueto incontro del board della Federal Reserve, il primo in presenza dall’inizio della pandemia, il Presidente Jerome Powell ha annunciato il primo innalzamento dei tassi, nell’ordine di un quarto di punto, dal 2018, delineando, nel complesso, un’accelerazione verso la normalizzazione della politica monetaria statunitense.

Il livello dei tassi sale dunque all’intervallo 0,25-0,50%; a tal proposito, ricordiamo sempre che, a differenza dalla BCE, la Fed non utilizza un valore puntuale, bensì un intervallo.

Osservando i cosiddetti “dots” si ha un quadro più chiaro e interessante di quali siano le intenzioni della banca centrale statunitense per il futuro: per l’anno in corso si punta ad un tasso mediano tra l’1.75 ed il 2%, pari dunque a ben sei aumenti di un quarto di punto da qui alla fine dell’anno, uno per ciascuno dei prossimi incontri – in precedenza ne erano stati previsti soltanto tre -, altri quattro per il 2023 mentre, nel 2024, la situazione dovrebbe assestarsi, mantenendo così il livello dei tassi nell’intervallo 2.75-3%.

Qualcuno ipotizza che ci si potrebbe spingere addirittura oltre, al 3,25%, sarebbe il livello più alto dal 2008.

Insomma, un’accelerazione netta, che nasce soprattutto dal preoccupante dato sull’inflazione (+7.9% in febbraio, il dato peggiore dal 1982), vista per quest’anno al 4.3%, e che “ignora” il taglio sulle stime di crescita, abbassate al 2.8% rispetto al precedente 4%.

Powell ritiene che tale dato, seppur in calo, sia abbastanza forte da reggere un inasprimento della politica monetaria, sul quale i critici ritengono che la Fed abbia già tergiversato abbastanza.

Ad incoraggiare la decisione il buon risultato osservato dal tasso di disoccupazione, visto al 3.8%, e quello sui risparmi, aumentati anche “grazie” alle restrizioni legate alla pandemia.

In generale, le considerazioni alla base di tale cambio di passo partono dal presupposto che sì, la guerra comporterà un rallentamento della crescita e un’ulteriore accelerata all’inflazione, lo si sta già chiaramente osservando su generi alimentari ed energetici, ma che gli aumenti saranno circoscritti a quest’anno.

In altre parole, secondo la Fed, siamo “soltanto” di fronte ad una deviazione rispetto allo scenario di lungo periodo.

Nei mesi a seguire i banchieri centrali di tutto il mondo avranno il delicato compito di garantire un atterraggio morbido alle rispettive economie: ritardare la normalizzazione della politica monetaria rischia di far scappar via l’inflazione, attuare strette troppo decise, farle precipitare in recessione.

Lo spauracchio, come scritto nel precedente articolo, è una stagflazione sullo stile di quella osservata negli anni ’70.

Per Powell, il quale ancora attende la formalizzazione da parte del Senato sul suo secondo mandato, c’è anche l’insidia legata alle elezioni di medio termine, nella quale i democratici, ossia coloro i quali gli hanno garantito la riconferma, rischiano di perdere la già risicata maggioranza al Congresso a causa dell’eccessivo aumento dei prezzi.

Hai trovato questo articolo interessante?

Resta aggiornato sulle future pubblicazioni mettendo un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o iscrivendoti alla newsletter, grazie per la lettura.

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This