Bank of England, nuova stretta.

da | Feb 5, 2022 | Politica economica | 0 commenti

Oltre al meeting della BCE, giovedì è stato anche il giorno della riunione del board di Bank of England.

Il Governatore Mark Bailey ha annunciato il secondo aumento consecutivo dei tassi di interesse nell’ordine di un quarto di punto, aggiungendo che ve ne saranno di ulteriori nei mesi a seguire: se le previsioni dovessero essere confermate, ciò porterà la massima istituzione di politica monetaria del Regno Unito a realizzare il più rapido inasprimento della sua azione sin dalla sua indipendenza, avvenuta nel 1997.

Ad allarmare i responsabili della politica monetaria al di là della Manica è il tasso di inflazione, che nei prossimi mesi, stando alle previsioni, dovrebbe superare il 7%, più del triplo del livello target (2%) e oltre un punto percentuale maggiore rispetto a quanto previsto lo scorso dicembre.

L’impatto sull’economia del Regno Unito dovrebbe rivelarsi ancora superiore quando Bank of England inizierà a ridurre gli 895 miliardi di sterline (1.2 trilioni di dollari) di attività accumulate nell’ultimo decennio, nell’ambito del proprio piano di alleggerimento monetario (Quantitative easing).

A tal proposito, i funzionari dell’Istituto hanno già delineato i piani per scaricare oltre 220 miliardi di sterline di obbligazioni governative e societarie entro la fine del 2025; si ritiene che il programma potrebbe subire un’accelerazione una volta che i tassi supereranno l’1%.

Ciò nonostante, il governatore Andrew Bailey ha messo in guardia dal pensare che la strada sia già segnata, un atteggiamento prudente, simile a quello adottato da Christine Lagarde, Presidente della BCE, ma che pone dei dubbi sull’effettiva capacità da parte dei banchieri centrali di governare le aspettative inflazionistiche.

In questa fase di incertezza sarebbe infatti auspicabile per i banchieri centrali mantenere un atteggiamento coerente, oltre che una comunicazione credibile, in modo da evitare che l’insorgere di nuovi elementi, spesso fuori dal loro controllo, sconfessino le decisioni annunciate solo qualche settimana prima.

Hai trovato interessante questo articolo?

Condividilo! Inoltre, al fine di non perderti i futuri articoli, l’invito, come sempre, è a iscriverti alla newsletter e lasciare un like alla mia pagina Facebook se non l’hai già fatto, sono in arrivo delle novità. Grazie per la lettura!

Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This