Oystein Olsen, Governatore di Norges Bank.

Norges Bank è la prima grande banca centrale ad aumentare i tassi di interesse nel post pandemia: nella riunione del board tenutasi ieri, il Governatore Oystein Olsen ha annunciato l’aumento di un quarto di punto percentuale (da zero a +0,25%) lasciando intendere la volontà di un ulteriore aumento entro la fine dell’anno.

Si tratta della prima mossa da maggio 2020, quando la banca centrale norvegese decise di tagliare i tassi a zero per sostenere gli effetti negativi generati dal Covid-19.

A convincere Olsen, da un lato, la decisa ripresa economica del Paese che ha ormai raggiunto i livelli pre-pandemia, dall’altro, le prospettive inflazionistiche, trainate da una corona debole e da proiezioni salariali in aumento.

Un’economia in via di normalizzazione suggerisce che è opportuno iniziare una graduale normalizzazione del tasso di riferimento” ha dichiarato Olsen, convinto a contrastare gli squilibri finanziari legati alle politiche accomodanti dell’ultimo anno.

Ciò dovrebbe portare ad un più rapido – 0.25 punti percentuali per trimestre – e, probabilmente, ad un più alto livello dei tassi, stimato all’1.7% entro la fine del 2024.

Ricordiamo che Norges Bank rappresentava un’eccezione già prima della pandemia, anche grazie ai maggiori spazi di manovra fiscale concessi dal suo Fondo Sovrano da oltre mille miliardi di dollari, che ha consentito al più ricco Paese scandinavo per PIL pro-capite di evitare di lanciarsi in politiche monetarie ultra accomodanti e non convenzionali, e recuperare così prima del previsto.

In generale, la situazione è più o meno la seguente: le grandi banche centrali mantengono un atteggiamento attendista, restando tutte più o meno accomodanti, quelle dei Paesi in via di sviluppo si dividono tra chi ha già operato una stretta, talvolta anche piuttosto aggressiva, vedi l’Ungheria, e chi, come la banca centrale turca, non godendo di grande indipendenza dalla politica, finisce per soddisfare le esigenze di consenso del proprio Presidente anziché quelle “imposte” dalla dottrina.

Hai trovato interessante questo articolo?

Condividilo, lascia un like alla mia pagina Facebook o iscriviti alla newsletter in modo da non perderti le future pubblicazioni, grazie per la lettura!