La campagna elettorale americana e l’oscillazione delle valute.

da | Set 27, 2016 | Politica economica | 0 commenti

Oscillazione peso messicano

Nella notte italiana, come in molti saprete, è andato in scena il primo dei 3 confronti televisivi previsti tra Hillary Clinton e Donald Trump, candidati, rispettivamente democratico e repubblicano, alla successione di Barack Obama alla Presidenza degli Stati Uniti d’America.

Al di là che del confronto, che si è basato per lo più su tematiche già affrontate in precedenza, alcune di esse assai noiose – il certificato di nascita del Presidente uscente, per esempio – ha attirato la mia attenzione il risvolto che esso ha avuto, e sta avendo, sulle valute dei Paesi vicini, su tutti il Messico, a più riprese attaccato dal candidato repubblicano – ricordate la questione costruzione di un muro tra i due Paesi atto ad impedire l’ingresso degli immigrati messicani sul suolo americano? – la cui valuta aveva subito in questi mesi un vero e proprio tracollo fino a raggiungere il valore più basso di sempre a 19.9333 appena prima dell’inizio del confronto.

Dal grafico che segue, invece, è possibile osservare l’oscillazione delle principali valute coinvolte in questa curiosa disputa, prima e dopo il confronto della notte scorsa.

 

grafico rappresentante l'oscillazione delle principali valute durante la campagna elettorale americana

 

Non serve aver ascoltato un solo minuto del dibattito per comprenderne l’esito:

Trump, prima del dibattito, sembrava aver raggiunto nei sondaggi la candidata democratica, infatti, le valute coinvolte avevano tutte subito un deprezzamento nei confronti del dollaro.

A dibattito concluso, però, tutte le valute hanno invertito la rotta: il Peso messicano ha letteralmente spiccato il volo – +1.75% sul dollaro alle 9:23 (Orario di Londra), il più alto apprezzamento fatto registrare tra le 140 valute del mondo e miglior performance dal 17 febbraio scorsochiaro sentore della vittoria della Senatrice Clinton, apparsa calma e risoluta nel rispondere alle invettive di Trump, per converso, piuttosto agitato – diverse le interruzioni quando a parlare era la candidata democratica – e più volte in difficoltà, soprattutto quando ha dovuto difendersi dalle accuse di evasione fiscale.

L’unica valuta a far registrare un andamento inverso sul dollaro è stato lo yen giapponese (-0.5%), conclusione del tutto prevedibile, dato che la valuta nipponica, così come accaduto durante la Brexit, complice la politica accomodante di Kuroda, ha ormai assunto in pianta stabile il ruolo di moneta rifugio per gli investitori internazionali.

Staremo a vedere quali effetti sortiranno i prossimi due confronti previsti, intanto, vi ricordo che le elezioni americane si terranno il prossimo 8 novembre.




Svezia, Riksbank taglia i tassi.

Questa settimana Riksbank ha tagliato per la prima volta il livello dei tassi in otto anni, portandoli dal 4 al 3.75%, nel tentativo di dare respiro all’economia svedese, in affanno nell’ultimo periodo. Il generale inasprimento delle politiche monetarie delle maggiori...

Taglio dei tassi, siamo proprio sicuri?

Jerome Powell, Presidente della Federal Reserve. Il 2024 avrebbe dovuto sancire la normalizzazione della politica monetaria mondiale. La rincorsa sfrenata per riportare il tasso di inflazione nei rispettivi livelli target, dopo che per mesi la gran parte degli addetti...

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della "crisi delle tigre asiatiche" della fine degli anni ’90. Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Share This