Malesia, il ringgit in difficoltà attende notizie da Powell.

da | Mar 12, 2024 | Politica economica

Il ringgit è in difficoltà. La valuta malese è ai minimi dai tempi della “crisi delle tigre asiatiche” della fine degli anni ’90.

Nonostante l’impegno dichiarato da parte della banca centrale locale, la Bank Negara Malaysia, a vendere alcune delle riserve detenute in dollari e le buone prospettive di crescita per quest’anno della Malesia e dell’intera area ASEAN (Association of South-East Asian Nations), il ringgit continua ad essere debole,

troppo vicino alla soglia critica di 4,8850 $ toccata il 7 gennaio del 1998, quando l’allora Primo Ministro Mahathir Mohamad diede il via a tutta una serie di misure eccezionali, tra cui il controllo sui capitali, per evitare che la crisi finanziaria originatasi dal crollo del baht tailandese si propagasse ulteriormente.

L’andamento del tasso di cambio da inizio anno tra dollaro statunitense e ringgit.

È chiaro che, al di là delle misure eventualmente poste in essere dalle autorità, lo spartiacque per la Malesia e le altre economie emergenti sarà il taglio dei tassi previsto entro l’anno della Fed, dato per scontato dalla quasi totalità degli analisti ma sul quale aleggia ancora un alone di mistero.

Infatti, così come l’estenuante rialzo dei tassi operato da Jerome Powell dal marzo del 2022, che ha portato il costo del denaro all’intervallo 5.25-5.50%, il livello più alto in oltre vent’anni, ha determinato il deflusso di capitali dagli emergenti, la normalizzazione dell’economia statunitense aprirà di nuovo le porte agli investimenti nelle aree più periferiche del mondo.

In aggiunta, lo scenario geopolitico complesso, tanto per il perdurare dell’invasione russa in Ucraina, quanto per la nuova crisi in Medio Oriente, nonché le difficoltà dell’economia cinese, dovrebbero offrire un’ulteriore spinta alla crescita degli investimenti nell’area ASEAN, il cui potenziale risulta ancora in gran parte inespresso.

A questo punto vi starete chiedendo, dato lo scenario prospettato, essendo la Malesia un Paese estremamente orientato alle esportazioni, una valuta debole non dovrebbe giovarle? La risposta breve è sì, ciò nonostante, una valuta eccessivamente debole ha per forza di cose anche un impatto lato importazioni, che si esplica in aumento dei prezzi dei beni e servizi per i cittadini locali.

Il timore è che la spirale inflazionistica che abbiamo imparato a conoscere nell’ultimo anno e mezzo in occidente giunga prepotentemente anche in oriente; per certi versi, se si guarda il Giappone, questo è già avvenuto seppur con effetti positivi sull’economia del Sol Levante dato che, in quella circostanza specifica, si partiva da una condizione di deflazione cronica.

Rispetto invece al fantasma di una nuova crisi finanziaria, va chiarito che la Malesia si trova in una condizione sicuramente migliore di quella del 1998: allora Kuala Lumpur aveva un deficit delle partite correnti prossimo al 5%, ora un surplus strutturale tra il 2 ed il 3%; inoltre il mercato finanziario attuale appare più sviluppato, dunque più pronto, a sopportare eventuali turbolenze mentre desta qualche preoccupazione il livello del debito, tra i più alti tra le economie emergenti, complice gli interventi resisi necessari dall’emergenza COVID-19.

Hai trovato questo articolo interessante?

In attesa che Powell faccia le sue mosse, il consiglio, come di consueto, è di mettere un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o di iscriverti alla newsletter in modo da restare aggiornato sulle future pubblicazioni. Inoltre, ti consiglio di dare uno sguardo alla sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario.

Grazie per la lettura, al prossimo articolo.

Bank of Japan, fine di un’era.

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. L'ultima riunione del board di Bank of Japan, conclusasi nella prima mattinata italiana e culminata con le dichiarazioni alla stampa del Governatore Kazuo Ueda, sancisce un passaggio storico per la massima autorità di politica...

Giappone, un nuovo inizio?

Lo scorso giovedì l’indice Nikkei 225 ha chiuso a 39.098 punti, superando il massimo storico fatto registrare ben 34 anni fa. Era infatti dal 29 dicembre 1989 che l’indice che contiene le 225 aziende a maggior capitalizzazione del Paese non si spingeva così in alto –...

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Inflazione, Erdoğan fa marcia indietro.

Hafize Gaye Erkan, Governatore di TCMB (Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası) Chi mi legge da qualche tempo sa che le strategie di politica monetaria di Recep Tayyip Erdoğan hanno sempre attirato la mia attenzione. Il motivo? Il loro essere agli antipodi con quanto la...

Bank of Japan, i tempi sono maturi?

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. Dall’ultima riunione di Bank of Japan - l’avevo scritto nel mio precedente articolo - ci si aspettava qualche novità, così è stato: Kazuo Ueda, Governatore di BoJ, ha annunciato l’introduzione di maggior flessibilità nella...

Che succede all’Asia?

Il dollaro forte, l’economia cinese che stenta a ripartire e il prezzo del petrolio in aumento. Sono queste le tre variabili che stanno influenzando le performance delle economie asiatiche, da quelle emergenti del sud-est asiatico fino al Giappone, le cui rispettive...

Share This