Il Nasdaq 100 si ribilancia.

da | Lug 28, 2023 | Politica economica | 0 commenti

La settimana che si avvia a concludersi è stata molto importante per gli investitori, in particolare per chi opera sul mercato americano ed è affezionato agli ETF (Exchange Traded Funds), ossia a quegli strumenti di gestione passiva che si pongono l’obiettivo di replicare fedelmente l’andamento – e dunque il rendimento – di un indice borsistico.

Abbiamo infatti assistito al ribilanciamento del “Nasdaq 100”, l’indice che rappresenta i 100 maggiori titoli quotati al Nasdaq ponderati sulla base delle rispettive capitalizzazioni di mercato: più grande è l’azienda, maggiore sarà il proprio peso sull’indice.

Quella del ribilanciamento è un’operazione che di norma avviene ad intervalli trimestrali, nel caso specifico, però, complice lo straordinario rally dei titoli ribattezzati FAANG (acronimo di Facebook (META.US), Amazon (AMZN.US), Apple (AAPL.US), Netflix (NFLX.US) e Alphabet (GOOGL.US)), esso ha assunto carattere “speciale”: la SEC (Securities and Exchange Commission), l’ente preposto alla vigilanza della Borsa statunitense, prevede infatti un ribilanciamento speciale «ogni qual volta le società con un peso superiore al 4,5% superino la soglia cumulativa del 48% dell’indice».

Aggiungendo alle FAANG le performance di Microsoft (MSFT.US), Nvidia (NVDA.US) e Tesla (TSLA.US), ecco che il peso complessivo sull’indice Nasdaq 100 era schizzato al 56%, una condizione a cui andava posto rimedio.

Le straordinarie performance delle principali aziende hi-tech USA da inizio anno.

A cosa si deve questo exploit? Essenzialmente all’hype verso l’intelligenza artificale (AI), che sembrerebbe essere la “next big thing” degli anni a venire.

Per comprendere meglio la disparità di performance registrate tra le big dell’hi-tech finora citate e la media di tutte le altre aziende che compongono l’indice è sufficiente confrontare il “Nasdaq 100” con il “Nasdaq 100 Equal Weighted, ossia un indice che raggruppa le medesime aziende ma equamente pesate: da inizio anno al 13 luglio, il primo ha registrato una performance del 44,15%, il secondo “soltanto” del 24,04%.

“Nasdaq 100” VS “Nasdaq 100 Equal Weighted”

Un ribilanciamento necessario.

Impedire che alcune aziende acquisiscano un peso eccessivamente dominante, garantendo così una maggiore diversificazione, rappresenta un obiettivo cruciale per la SEC, e ritrovarsi indici eccessivamente sovraesposti in determinati settori – nel caso specifico quello dell’hi-tech, – avrebbe potuto mettere a repentaglio i risparmi di tante famiglie e imprese che si affidano sempre più allo strumento degli ETF. Il Nasdaq 100, infatti, come descritto in apertura, costituisce la base per numerosi ETF, circa 24, tra cui Invesco QQQ ETF, il secondo ETF più scambiato in assoluto.

Non si tratta della prima volta che si rende necessaria un ribilanciamento speciale: era già capitato nel 1998 e nel 2011, rispettivamente a causa dell’ascesa di Microsoft e Apple.

Quali effetti?

Il ribilanciamento, nel breve periodo, avrà senz’altro un impatto sui mercati, poiché miliardi di dollari di azioni saranno scambiati per permettere ai fondi di adeguarsi al cambiamento. Ne deriverà una maggiore volatilità ma essa dovrebbe essere attenuata dal fatto che si tratta pur sempre di titoli molto scambiati, dunque, estremamente liquidi.

L’azienda a subire il maggior ridimensionamento sarà Microsoft, seguita da Apple e Google. Tesla, invece, avrà un peso del 4,5%, mentre Meta appena sotto la soglia, al 4,4%.

E l’S&P 500?

Il ribilanciamento del Nasdaq 100 pone anche degli interrogativi sullS&P 500, il più importante indice azionario statunitense, il quale comprende le principali 500 aziende a stelle e strisce.

In realtà, stando alle regole vigenti, siamo lontani da ciò, dato che esso si rende necessario soltanto quando l’aggregato delle società, ciascuna con peso superiore al 4.8%, supera il 50% dell’indice totale. In questo momento, le uniche due aziende vicine a tale soglia sono Apple e Microsoft, le quali, unite a Amazon, Nvidia e Tesla, rappresentano “solo” il 22.2% del totale.

Ciò nonostante, anche nell’S&P 500 qualcosa comincia a scricchiolare, anche qui, è sufficiente osservare la forbice tra le performance sfavillanti delle big dell’hi-tech con quelle pressoché piatte di tutte le altre.

Hai trovato questo articolo interessante?

Io ho finito, nel ringraziarti per la lettura, ti invito a mettere un like alla pagina Facebook di sostegno al blog o ad iscriverti alla newsletter, sarai avvisato riguardo le future pubblicazioni.

Ti invito inoltre a dare uno sguardo alla sezione del sito relativa alla mia attività di consulente finanziario.

Rebus Cina, quali prospettive per il Dragone?

Il Presidente cinese, Xi Jinping. Manca ormai pochissimo all’arrivo del nuovo anno e la domanda più gettonata tra noi addetti ai lavori è se la Cina riuscirà a rimettersi in carreggiata dopo un 2023 terribile. Perché, diciamoci la verità, su Pechino ci eravamo tutti...

Inflazione, Erdoğan fa marcia indietro.

Hafize Gaye Erkan, Governatore di TCMB (Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası) Chi mi legge da qualche tempo sa che le strategie di politica monetaria di Recep Tayyip Erdoğan hanno sempre attirato la mia attenzione. Il motivo? Il loro essere agli antipodi con quanto la...

Bank of Japan, i tempi sono maturi?

Kazuo Ueda, Governatore di Bank of Japan. Dall’ultima riunione di Bank of Japan - l’avevo scritto nel mio precedente articolo - ci si aspettava qualche novità, così è stato: Kazuo Ueda, Governatore di BoJ, ha annunciato l’introduzione di maggior flessibilità nella...

Che succede all’Asia?

Il dollaro forte, l’economia cinese che stenta a ripartire e il prezzo del petrolio in aumento. Sono queste le tre variabili che stanno influenzando le performance delle economie asiatiche, da quelle emergenti del sud-est asiatico fino al Giappone, le cui rispettive...

Aumento dei tassi, raggiunto il picco?

Dagli ultimi meeting delle principali banche centrali del mondo è emersa una view piuttosto omogenea: l’economia mondiale sta rallentando e con essa l’inflazione, dunque, non saranno necessari ulteriori aumenti dei tassi per spingerla verso i rispettivi target. Ciò...

Elezioni in Polonia, la Banca Centrale scende in campo.

Adam Glapinski, Governatore di National Bank of Poland. Nella giornata di ieri, National Bank of Poland ha annunciato il taglio del tasso di riferimento di 75 punti base, portandolo dal 6.75% al 6%, nonostante il tasso di inflazione sia ancora ad un livello piuttosto...

Share This