mark comey pensieroso

Un pensieroso Mark Comey, Governatore della Bank of England

L’incertezza che i negoziati sulla Brexit stanno portando al Regno Unito si sta ripercuotendo anche sulle decisioni della Bank of England, la quale, ancora una volta, ha preferito lasciare inalterati i tassi interessi allo 0.25%.

Questa la motivazione addotta dal governatore della BoE, Mark Comey, il quale ha di conseguenza provveduto ad abbassare le stime di crescita del Paese per il 2017 all’1.7%, rispetto all’1.9% iniziale, e per il 2018 all’1.6% contro l’1.7% della precedente stima.

Inalterati anche i programmi di acquisto di obbligazioni sovrane e corporate.

Seppur la sterlina debole abbia portato ad una crescita delle esportazioni, dunque ad un calo della disoccupazione – mai così bassa dagli anni ’70 – i salari stentano a decollare, erosi per altro dall’inflazione, vista al 3% in ottobre, per poi declinare al 2.2% nel 2020, a ridosso del tasso obiettivo fissato dalla BoE al 2%.

È chiaro che queste ed altre stime lasciano il tempo che trovano, una visione più chiara sul futuro che attende il Regno Unito potrà aversi solo quando un accordo con l’UE verrà raggiunto e, per il bene dei sudditi di Sua Maestà, è meglio che Theresa May si sbrighi…