Peso andamento da gennaio.

L’andamento del peso messicano rispetto al dollaro nell’ultimo anno. Fonte: Bloomberg.

 

Qualche settimana fa ero ritornato sull’andamento del peso rispetto al dollaro, sottolineando come la valuta messicana, complice le ben 5 strette operata da Banxico (la Banca Centrale del Messico) dall’elezione di Trump e le difficoltà che il Presidente americano sta incontrando, fosse riuscita a recuperare il terreno perso dall’8 novembre scorso, giorno della vittoria del candidato repubblicano.

Come osservabile dal grafico di Bloomberg, il peso messicano, dopo il tonfo di gennaio – mese in cui il Presidente eletto ha assunto ufficialmente il suo incarico – ha fatto registrare le migliori performance del mercato.

 




L’economia, però, come sapete, è fatta di cicli e all’orizzonte sembrano profilarsi nuove minacce per la valuta messicana.

La prima, quella più preoccupante, scaturisce dalle decisioni prese da Janet Yellen nell’ultimo board dello scorso 14 giugno, nel quale la banchiera centrale americana, oltre ad aver provveduto al rialzo dei tassi, ha illustrato il programma con cui verrà attuata la normalizzazione dei bilanci della Federal Reserve. Tali provvedimenti dovrebbero sortire un apprezzamento del dollaro ed un aumento dei rendimenti dei bond americani, causando, di fatto, uno spostamento degli investimenti verso Wall Street.

La seconda minaccia, invece, è insita alla lunga risalita del peso che, come detto, perdura da gennaio e che ha attratto in questi mesi un’enormità di investitori. Dalla sensazione che tale risalita possa arrestarsi a breve, potrebbe scaturire una forte e repentina ondata di vendite.

Infine, detto delle decisioni della Fed e dei timori degli investitori, la terza minaccia, più “tecnica”. Esaminando la stagionalità, si evince una certa tendenza del peso a deprezzarsi in agosto rispetto a giugno e luglio, mesi in cui di norma la valuta messicana pare mantenere una maggior stabilità.

Osservando le resistenze a 50 e 100 giorni il tasso di cambio dollaro/peso messicano ha assunto, rispettivamente, i valori 18.5879 e 19.0525 mentre, nell’agosto del 2016, era a 17.90, lo stesso toccato la scorsa settimana. Si ritiene che cambio virerà verso questo valore, nel momento in cui scrivo è a 17.9463.

Concludo con il mio solito appello, di vitale importanza al fine di far crescere questo blog: se avete trovato quest’articolo interessante, vi invito a condividerlo sui social e a mettere un like alla mia pagina Facebook; inoltre, se non volete perdervi i prossimi articoli, il consiglio è di iscrivervi al blog inserendo la vostra mail, riceverete un messaggio ad ogni nuova pubblicazione, grazie.

[amazon_link asins=’B0186FESVC,B017DOUW76,B00IOY524S’ template=’ProductCarousel’ store=’simonefontana-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c1c3d1cc-205e-11e7-a977-2bc0c9360886′]

 

SalvaSalva

SalvaSalva